Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

STOMIE

Cosa significa avere una stomia

 

La stomia è il risultato di un intervento che crea un’apertura sull’addome  per mettere in comunicazione un viscere, dell’apparato intestinale o urinario, con l’esterno. I tipi di stomie prendono il nome dall’organo che le costituisce: quelle intestinali (enterostomie) si dividono in ileostomie o colostomie, quelle urinarie (urostomie) si dividono in pielostomie, ureterostomie, cistostomie.

Il confezionamento di una stomia è sempre secondario ad un intervento chirurgico altamente demolitivo che compromette, da un lato, le funzioni fisiologiche, ma permette, dall’altro, l’allontanamento immediato ed efficace delle patologie che compromettono la salute del paziente, spesso permettendone la sopravvivenza.

Solo con la consapevolezza di ciò potranno essere abbandonate quelle sensazioni di vulnerabilità, di sconforto, di malessere che ingenerano la convinzione di essere portatore di un grave handicap.

E’ importante conoscere cos’è una stomia e il motivo del suo confezionamento, perché solo così potrà essere accettata come una nuova condizione anatomica a cui adattarsi, potrà apparire come una condizione nuova che comunque permette una normale vita di relazione e attraverso la quale è stato possibile riacquistare lo stato di persona sana.

Il portatore di stomia non è un malato cronico, questo è l’assioma che deve accompagnare ogni portatore di stomia.

La stomia è priva di uno sfintere, cioè di un muscolo ad anello che ne permette la chiusura, e quindi  i materiali effluenti (feci o urine) non possono essere trattenuti e fuoriescono liberamente. Questo è un grave inconveniente che, però, può essere affrontato e risolto in modo soddisfacente mediante la cura della stomia.

Avere una stomia significa, quindi, avere una situazione anatomica diversa, ma gestibile, che non pregiudica la vita di relazione del portatore e che non ne fa un handicappato bensì, dopo una malattia, ne permette il ritorno alla vita.

 

COLOSTOMIA

ILEOSTOMIA

UROSTOMIA

LA CHIRURGIA DELLE STOMIE

 

 

Joomla templates by a4joomla